Tutte le strade portano a Roma

In una calda domenica di Luglio mi hanno proposto di partecipare a un laboratorio organizzato da Eupolis dal titolo “Tutte le strade portano a Roma” e poiché Roma mi incuriosisce perché il mio papà ci ha vissuto un po’, ho deciso di andarci.

Il laboratorio si è svolto al Museo di San Vito al Tagliamento dove c’era una signorina simpatica che ci ha spiegato quanto importanti erano le strade per i Romani, come venivano fatte e a cosa servivano.

L’Impero Romano era infatti molto vasto e per poter raggiungere i vari paesi conquistati e soprattutto poter collegare le periferie alla capitale, i Romani hanno costruito una rete molto vasta di strade che servivano al commercio, allo scambio delle merci, alla circolazione delle persone e anche certamente delle idee.

In questa immagine è possibile vedere come erano costruite le strade romane:

Le strade romane

C’era un primo strato di base denominato “statumen” formato da pezzi grossi di pietra dura. A volte sopra venivano messe pietre più piccole (“rudus”). Sopra ancora veniva creato uno strato di sabbia o ghiaia livellata. L’ultimo strato, quello più esterno, era detto “pavimentum” formato da lastre di pietra che affondavano sul letto di sabbia. Di solito le strade avevano una forma curva, a “dorso di mulo” così l’acqua non ristagnava e poteva scivolare ai lati dove di solito si trovavano dei fossi per raccoglierla. Era importante evitare che si formassero pozzanghere perché se ci fossero state, la cosa più fortunata che poteva succedere era che un uomo si facesse la doccia con l’acqua sollevata da un carro che passava mentre la cosa meno fortunata era che si rompesse la ruota del carro e questo gli piombasse addosso.

Ora inizia il laboratorio

Armati di cucchiai, palette e secchi con vari materiali, abbiamo allora provato a costruire ognuno un pezzo di una strada romana in miniatura e qui vi mostro il mio:

 

Ricostruzione della strada romana

Il laboratorio è stato molto interessante e mi è piaciuto provare a diventare un costruttore dell’epoca romana.

Ginevra D.P. [aka Gigi d+]
reporter per www.6INradio.net

Io reporter

Anche tu hai visitato un posto incredibile o fatto un’esperienza importante e vuoi mandare il tuo report a 6INradio per farlo conoscere ai tuoi compagni di scuola e a tutti? Sì?

Allora scrivi alla redazione mandando il tuo scritto: lo leggeremo e se ci piacerà lo pubblicheremo.

Ricorda: le foto non devono rappresentarti e devono essere state scattate da te.
Attenzione: alcuni musei e mostre vietano l’uso delle immagini. 
Se prendi fonti di documentazione da internet devi scrivere da quale sito hai preso ispirazione.
Segui tutti i report dei giornalisti di 6INradio seguendo il tag io reporter

Francesca Bomben

Insegnante per l'asse dei linguaggi e per l'asse antropologico presso la Scuola Primaria di Roveredo in Piano, Pordenone.

More Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: