6INradio#05 – Ma che storia è mai questa? Prima puntata

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Dopo essere rimasto 70 milioni di anni sottoterra, Antonio, in un giorno di aprile del 1994, tende una mano a Tiziana.
Antonio è alto quasi 1 metro e lungo 4 e pesava 700 kg.
È il più completo dinosauro di dimensioni medio-grandi mai rinvenuto in Europa dal 1878 e viveva qui dove ora c’è Trieste.

Ascolta la puntata

Le rubriche di questa puntata:  Intervista a.
Gli speaker di questa puntata sonoAlex, Anastasia, Beatrice, Davide, Diego, Gabriele, Ginevra D+, Ginevra P, Giorgia, Giulia, Maddalena, Malak, Marco, Matteo, Nicholas, Sabrina, Sara, Silvia.

Con la partecipazione straordinaria di: Tiziana Brazzatti, il dinosauro Antonio.

Per approfondire


Tiziana Brazzatti,  laureata in Scienze Geologiche presso l’Università degli Studi di Trieste, premiata dalla “Federazione Europea Mineralogia e Paleontologia”, insegnante di Matematica e Scienze alla Scuola Secondaria, collabora con la Sovrintendenza e il Museo di Storia Naturale di Trieste.
Dopo un corso in Giornalismo Scientifico si dedica dal 2013 anche all’attività di Science Writer sui blog:

Credits

Audionautix.com – Tuba Waddle
Carlos Estella – Epic Majestic Heroic Orchestral
Andrea Gaspardo – Jurrassic Park Main Theme

 

All’interno della puntata è nascosto un indovinello letterario, scoprilo.
Manca una frase che puoi inventare tu, basta rispettare la rima e il contesto.

Non è difficile: mandaci la tua proposta, noi la pubblicheremo e premieremo (sempre con l’esclusivo pacchetto autostima) la miglior rima.

Hai tempo fino al 15 febbraio!

newsletter-1

45 commenti su “6INradio#05 – Ma che storia è mai questa? Prima puntata

  • Cara maestra sono proprio contento di questa prima puntata, mi sono commosso per tutta la registrazione e per il duro lavoro che abbiamo fatto. Ma sono curioso: qual’ è il tuo dinosauro preferito. Grossi bacioni Davide

    • Ciao Davide!
      Il mio dinosauro preferito? Ti devo confessare che ho un debole per gli Ankylosauri, ma anche per i Triceratopi, gli Adrosauri (ovviamente!) e gli Stegosauri.
      Mi è venuto in mente che non vi ho detto una cosa. La professoressa Brazzati distingue i dinosauri fra carnivori e vegetariani e sembra curioso il termine perché sarebbe più usuale dire erbivori eppure…

      Eppure c’è un perché: l’erba ai tempi dei dinosauri non esisteva ! Ha infatti incominciato a diffondersi sul Pianeta solo 40 milioni di anni fa, ben dopo la scomparsa dei dinosauri (65 milioni di anni fa).

      • Ciao Maestra, sai che mi hai incuriosito?? Sono andato a vedere tutti i libri di dinosauri che mi hanno comprato i miei genitori e su tutti i dinosauri vengono suddivisi in: carnivori, erbivori, onnivori e insettivori. Ma che libri mi hanno comprato i miei genitori??? Per gli erbivori c’è scritto che mangiano piante, foglie, alberi e felci non c’è scritto erba. Quindi grazie.
        Sai, i miei dinosauri preferiti sono: il Velociraptor, lo Spinosaurus, il Dylophosaurus (sono tutti carnivori).
        La mamma ti ringrazia per aver trasmesso la colonna sonora del famoso film “Jurassic park”. Per le rime ci sto pensando. Ciao ciao!!!!!!!!!

  • Cara maestra sono veramente contenta del lavoro che abbiamo fatto.
    Ma soprattutto, mi piace il pezzo finale, quando Nicholas dice: “…sono Antonio e ascolto anche io 6inradio.net!”
    CHE EFFETTI SPECIALI!!

  • Buongiorno bambini

    Ho ascoltato ieri il vostro podcast e mi sono commossa nel sentirvi parlare! Quello che fate con la vostra maestra è davvero grandioso. Siete stati bravissimi… Mai avrei pensato che il mio cuore si intenerisse così tanto, …grazie per questa incredibile esperienza.

    Prima di salutarvi voglio rispondere a Davide: 80 milioni di anni fa l’erba ancora non esisteva, pertanto i dinosauri vengono detti vegetariani e non erbivori, brava la maestra Francesca!

    Vi abbraccio tutti

    • CHE SORPRESA!!! Grazie mille professoressa Tiziana, d’ora in poi dirò vegetariani e non più erbivori. Ci vogliono tanti anni per diventare paleontologo? Mi piacerebbe tanto trovare dei resti di dinosauro, mi consigli da dove iniziare? Ciao ciao!!! Davide

      • Che meraviglia! Per diventare paleontologi è necessario laurearsi in geologia e/o scienze naturali, perseguire un dottorato di ricerca e magari trovare un lavoro in un museo di storia naturale o diventare ricercatori all’Università.
        Ti consiglio di iniziare col visitare il sito paleontologico del Villaggio del Pescatore a Trieste, dove puoi fare anche delle attività di scavo su rocce, poi di visitare spesso i musei e di studiare tanto!

        Non saprei dirti come iniziare a trovare dinosauri, in Italia le scoperte sono state casuali, però in America ci sono regioni come il Wyoming o il Montana dove se ne scoprono tantissimi…magari ci andiamo assieme!

        • WOOOWW!! Andare assieme a caccia di dinosauri?? Sarebbe magnifico!!! Non vedo l’ora di andare al Villaggio del Pescatore così potrò scavare sulle rocce e magari trovare un osso. Se sono fortunato e lo trovo me lo posso portare a casa?? Per quanto riguarda lo studio, farò del mio meglio e seguirò i tuoi consigli. Grazie mille per avermi risposto, sto impazzendo dalla gioia… A presto Ciao ciao Davide.

  • Ciao carissima Maestra Francesca,
    risentire questa puntata è stato molto emozionante e quando l’abbiamo ascoltata in classe tutti insieme è stato anche un po’ imbarazzante. Sono molto contenta di quello che abbiamo creato!! Grazie a te e alla Professoressa Brazzatti.

    Ho pensato anche a un po’ di rime che sono:

    [Ho tolto le tue proposte per metterle in gara!]

    A domani!!!!! Un bacio bacioloso e un abbraccio abbraccioso da Gigi D+

  • Come mamma di uno dei bimbi vorrei ringraziare la Professoressa Brazzatti per il bellissimo augurio che ha rivolto loro. Vorrei inoltre ringraziare le insegnanti che offrono ai bimbi delle opportunità uniche di sperimentare (mi riferisco ai vari laboratori come la carta per esempio), e entrare in contatto con esperti come la Professoressa Brazzatti o l’artista Sgubelin. Sono stimoli eccezionali che permettono ai bimbi di vedere e manipolare le cose o di farsele raccontare con entusiasmo da chi ha scelto quei temi, con una passione che non si trova su un semplice libro di testo. Dicono che un modo efficace per i bimbi di imparare sia con l’esempio: beh penso che i nostri bimbi siano molto fortunati perché ne stanno ricevendo di splendidi e gli effetti si vedono già…

  • E’ stato bello riascoltare questa prima puntata. Mi è piaciuto tantissimo perchè c’erano le voci dei miei amici Anastasia, Gabriele, Sabrina, Giorgia, Giulia, Maddalena, Marco…
    grazie mille per questo lavoro.

  • Maestra Francesca registrare è stata un’avventura fantastica. Non volevo sbagliare così ero un pochino nervoso, ma tu mi hai davvero aiutato. Ho ascoltato con i miei genitori la registrazione e la voce della professoressa Tiziana è bellissima e spiega in modo semplice
    …La puntata è stata ascoltata sia a Varese ( dove vive mia sorella maggiore per via dei suoi studi) e in Sicilia dove vivono i miei zii, cuginetti e la mia adorata nonna che ti fa i complimenti perchè sei moderna e fai amare la Storia (mia nonna la detestava, così mi ha detto). Adesso con la mamma ci inventiamo delle strofe….

  • che bello riunire la sera tutta la famiglia e riuscire ad attrarre l’attenzione di tutti (ma proprio tutti!!!). E poi è proprio vero il detto: non si è mai finito di imparare! Grazie per l’interessante lavoro. Wilma mamma di Gin

  • Mi permetto anche io di scrivere e di ringraziare le maestre per gli strumenti che state dando ai nostri ragazzi per imparare materie a volte ostiche (per carità evito di chiamarli bambini perchè Gabriele dice che non sono più alla scuola materna e sono grandi). Con l’articolo della luna e dei pianeti, la camera di mio figlio è diventato un planetario, immagino che chi adora i dinosauri trasformerà la camera in una giungla…..Veramente la passione che mettete nel vostro lavoro; i nostri ragazzi la portano a casa e noi ne siamo partecipi.
    Grazie, continuate così e se volete veniamo anche noi genitori in radio.:-))))

  • Ho trovato la rima:
    Uno cade dentro il lago e così ne restan quattro.
    ….
    Ciao maestra la parte che mi è piaciuta è l’ultima perché si è sentito un tuono.

  • Ciao maestra, mi è piaciuto molto ascoltare l’intervista alla professoressa Brazzati, soprattutto quando racconta la grande emozione che ha provato quando si è trovata davanti la mano di Antonio. Piacerebbe anche a me fare un ritrovamento importante, magari andare nella cava e scoprire un osso del dinosauro Bruno. Grazie per tutte le importanti informazioni che ci hai dato.

  • Maestra ho trovato la rima:
    5 allegri dinosauri capriolano sul prato,
    1 va a mangiare il gelato.
    Mi è piaciuto molto il racconto, poi ho riletto i miei libri dei dinosauri per cercare Antonio.
    Ciao maestra.

  • MATTEO ha detto:
    ci siamo riuniti io ,mia sorella e la mamma per ascoltare la puntata che è stata interessante e molto emozionante,il dinosauro Antonio mi piacerebbe vederlo dal vivo..per vedere come è fatto e vedere la sua dimensione…Mi è piaciuto anche il pezzo finale della filastrocca fatta da noi bambini.
    Grazie per l interessante lavoro che avete fatto e le importanti informazioni .Francesca mamma di Matteo

  • Bello, bello, bello !!! Le rime che abbiam trovato: “Antonio, un bel nome ti hanno dato…Incuriosito, al Villaggio del Pescatore sono andato!” “Avevaa..quante dita? Professoressa, ce lo dica!”

  • Ciao maestra sono Giulia Valerio volevo dirti che i miei genitori mi hanno riconosciuto subito. E sono rimasti molto fieri di me 😊grazie è uno splendido progetto

  • Ciao!Tutta la mia famiglia ha ascoltato la registrazione e abbiamo imparato cose nuove e che non sapevamo. Maestra Francesca, lo sai che da grande vorrei fare la paleontologa? Ma anche la pittrice…. magari dipingerò dinosauri, forse il dinosauro Antonio.

  • Buona sera,
    sono Mauro, un docente di scuola media superiore amico della famiglia di Davide, dalla quale sono stato messo a conoscenza di questa iniziativa educativa. Sono lieto che piattaforme educative vengano usate per creare percorsi di apprendimento in cui gli allievi svolgono parte attiva, secondo i piani recenti orientamenti della didattica. Questo è senz’altro di buon auspicio per un proficuo proseguimento del percorso di studi. Brave le maestre coinvolte nel progetto ed i bambini che vi partecipano. Continuate così.

  • Ciao maestra Francesca, ho pensato ad alcune rime:
    1 vince il primato e così ne restan 4;
    1 resta incastrato e così ne restan 4;
    1 l’albero di Natale ha preparato e così ne restan 4;
    1 in una buca è inciampato e così ne restan 4;
    1 i pantaloni ha bucato e così ne restan 4;
    1 il sole ha ammirato e così ne restan 4.
    Spero ti piacciano le rime. Ciao Ciao!!! 🙂

  • Ciao maestra volevo dirti che ho letto il commento di Davide Gravili e volevo chiederti qual era il tuo unico dinosauro preferito ? 😯 perfavore..

    • Il mio dinosauro preferito in assoluto?
      Mi è difficile davvero sceglierne uno ma ti posso raccontare che, mentre ristudiavo alcune cose per prepararmi per le lezioni, sono venuta a conoscenza di un nuovo ritrovamento che prima ignoravo: quello dell’ Halszkaraptor escuilliei.
      Mi affascina moltissimo, lo trovo stupendo e – in questo momento – è lui in cima alla classifica dei più bei dinosauri (secondo me).

      • Cara maestra ho visto la foto dell’ Halszkaraptor e devo ammettere che è davvero carino ma nella mia classifica il primo resta sempre il Velociraptor. Anch’ io ignoravo l’esistenza del Halszkaraptor. Avendo al posto delle ali le pinne chissà se sapeva nuotare? Si sarebbe comportato come il cormorano? Viveva solo in acqua? E dove deponeva le uova? Maestra, quanto poteva essere alto? Ma chi l’ha scoperto? Spero un altro italiano come è successo per i dinosauri Antonio e Ciro. Sarebbe straordinario. 🙂 Ma, scusa, dove posso andare a vederlo? Grazie mille!!! 🙂 🙂 🙂 Ciao ciao !

        • Posso darti una notizia che ti entusiasmerà: sì… trovato in Mongolia l’Halszkaraptor escuilliei è stato studiato da un team di paleontologi coordinato dall’italiano Andrea Cau del Museo Capellini dell’Università di Bologna. Pensati che il fossile era stata disseppellito abusivamente ed è stato venduto e rivenduto (per legge i fossili appartengono al paese in cui sono stati trovati) fino a che, un collezionista francese chiese a un paleontologo di analizzarlo perché gli sembrava una vera patacca, un falso insomma: sembrava realizzato mettendo insieme resti di animali diversi.
          Godefroit, il paleontologo chiamato ad accertarsi che fosse un fossile di dinosauro vero e i suoi collaboratori (tra cui, appunto Andrea Cau), hanno condotto delle analisi che hanno dimostrato che si trattava, invece, di un vero animale estinto.


          A chi interessasse
          : a Bologna ci sono tantissimi musei interessanti per i bambini, ma il Capellini, museo di geologia e paleontologia dell’Università, in via Zamboni 63, è il vero… tripudio di dinosauri e reperti fossili, tra i quali spicca un gigantesco modello di Diplodoco lungo ventisei metri e alto quattro.
          http://www.sma.unibo.it/it/il-sistema-museale/collezione-di-geologia-giovanni-capellini/collezione-di-geologia-giovanni-capellini

          • Ciao maestra che forza!!!! Se ci sono sempre italiani ho possibilità anch’io di trovare fossili 🙂 :-).
            Sono un vero appassionato, infatti sapevo che il Mosasauro era un piccolo rettile e poi diventato un vero gigante. Non dirmi che anche lui è stato scoperto da un italiano… ciao ciao!!!!!

        • Il fossile di Halszkaraptor escuilliei tra i ricercatori Pascal Godefroit, a sinistra, Andrea Cau (il nostro è quello con il maglione a righe!) e Paul Tafforeau, al sincrotrone di Grenoble
          (Pierre Jayet/ESRF via AP)
          Fotografia di P. Jayet European Synchrotron Radiation Facility

          NO COPYRIGHT INFRINGEMENT INTENDED; TEACHING PURPOSES

    • Questa settimana, caro Ian, mi piace il micidiale Mosasauro! Mi affascina l’idea della sua trasformazione, da piccolo rettile e gigante predatore.
      Anche lui se ne andava tranquillo per il Mar della Tetide e anche lui trovato per caso.
      Lo raccontano qui.

  • Attenzione! Grandissime novità!
    Pubblicato ieri sul giornale “Il Piccolo” vi mando alla versione on line tramite il link che troverete sotto qui: è stato dato il via all’estrazione del cranio di Bruno (chi è Bruno?Riascolta la puntata!)
    Alcune parti erano già depositate in diversi blocchi di pietra al Museo di Storia Naturale in attesa anche queste di essere preparate e ora mancano la testa e la coda, ancora nella cava del Villaggio del Pescatore, dopodiché l’antico rettile sarà completo e andrà a fare compagnia ad Antonio.
    Nell’articolo fotogallery, video e approfondimenti!
    http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2018/02/19/news/a-duino-arriva-il-dinosauro-bis-dopo-antonio-c-e-bruno-1.16498074#gallery-slider=undefined

    • Maestra è una notizia straordinaria… non possiamo organizzare una gita al Villaggio del Pescatore con la scuola? Mi piacerebbe tanto andarci con tutti i miei compagni. Ciao ciao !!! 🙂 🙂

      • Ciao Davide.
        L’uscita didattica al Villaggio del Pescatore era stata programmata per quest’anno scolastico ma… ma le uscite didattiche devono essere progettate a approvate all’inizio dell’anno scolastico e in quel momento il Villaggio del Pescatore era chiuso. Si trattava poi di mettere in conto un viaggio piuttosto lungo. Così abbiamo abbandonato l’idea. Si è trattato proprio di una manciata di giorni.

        • Ciao maestra che gran peccato.. 😢😢😢 però possiamo prenderci per tempo per il prossimo anno… sarebbe straordinario 😀😁

  • Ciao carissima maestra Francesca questa registrazione mi è piaciuta tantissimo soprattutto le filastrocche diciamo rime mi sono piaciute ma anche tutto il resto mi è piaciuto. Adesso vado che devo aprire il mio uovo di Pasqua. Ci vediamo mercoledì e buone vacanze! Bacioni da Silvia 😘💜💗

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *