Momo

Fatti leggere il brano da un adulto mentre tu… immagina.

Un giorno fra la gente corse voce che da poco tempo qualcuno era venuto ad abitare nelle rovine.
Molto giovane, una bambina, si supponeva.
Non si poteva dirlo con esattezza perché vestiva in modo abbastanza bizzarro.
Si chiamava Momo o qualcosa di simile.

L’aspetto di Momo era davvero insolito e forse
poteva allarmare quelle persone che danno molta importanza all’ordine
e alla pulizia. Era piccola e magrolina, di modo che, anche con la
migliore buona volontà, non si poteva decidere se avesse otto oppure
dieci anni. Aveva una testa ricciuta nera come la pece, palesemente
mai sfiorata da pettini o forbici.

Aveva grandi vividi meravigliosi occhi del pari
neri come la pece, e i piedi dello stesso colore perché andava quasi
sempre scalza. Soltanto in inverno, e non sempre, portava scarpe,
spaiate di colore e di forma e per di più troppo larghe. Perché
Momo non possedeva niente all’infuori di quel che trovava qua e là
o che le regalavano.

La sottana, che le arrivava alle caviglie, era un
complesso di toppe variopinte di tessuti d’ogni genere.

E sopra la gonna portava una vecchia giacca
maschile lunga e larga, con le maniche di molto rimboccate ai polsi:
Momo non voleva accorciarle perché era previdente e sapeva che
sarebbe cresciuta ancora. E chissà se mai avrebbe potuto trovare
un’altra giacca così bella e con tante tasche così pratiche.

(Michael Ende, Momo, Frontiere)

Scegli ora una di queste due proposte di scrittura.

Prova ad immaginare come deve essere il carattere di questa bambina sulla base degli indizi raccolti e descrivilo nei commenti.

oppure…

Prova ad immaginare di essere  una di
“quelle persone che danno molta importanza all’ordine e alla pulizia” che vengono nominate all’inizio del brano. Rielabora la descrizione di Momo secondo il loro punto di vista.

Pubblicherò i vostri contributi dal giorno 1 novembre.

Momo disegnata da Katrin Dreiling

Momo è un romanzo di genere fantastico dello scrittore tedesco Michael Ende pubblicato nel 1973. Ende è diventato famoso per un altro libro: “La storia Infinita”.

Momo non sa leggere, non sa contare e non sa quanti anni abbia. Quando le viene chiesto, risponde “Se mi ricordo bene, ci sono sempre stata“. Ha una caratteristica eccezionale che la fa amare da tutti. Ma proprio quando si riesce a stare bene arrivano i  Signori Grigi…

Francesca Bomben

Insegnante per l'asse dei linguaggi e per l'asse antropologico presso la Scuola Primaria di Roveredo in Piano, Pordenone.

More Posts

12 commenti su “Momo

  • A me Momo sembra una bambina sveglia ,dolce ,curiosa e gentile. Molto semplice e che sa accontentarsi delle piccole cose che riesce a trovare conservandole come dei tesori!

  • Ciao carissima Maestra Francesca,
    per intanto ho fatto la prima proposta cioè ho immaginato il carattere di Momo. Eccolo qua:
    Momo é una bambina gentile, simpatica e aperta, che sa farsi voler bene e questo le permette di avere amici e persone che si preoccupano di lei e la aiutano regalandole delle cose.
    Si sa arrangiare ed coraggiosa perchè affronta la vita sorridente e serena pur essendo piccola e sola e questo l’ha fatta diventare indipendente e previdente e infatti si preoccupa del futuro. E’ anche una bimba sicura di sé e non dà peso ai giudizi delle persone.
    Può sembrare semplice perchè si accontenta di quello che trova e le danno ma forse è piu’ una necessità che il suo carattere vero e proprio.

    Un bacio bacioloso e un abbraccio abbraccioso da Gigi D+

  • Momo è una bambina allegra e gentile e le piace giocare con gli animali.
    Ama conoscere posti nuovi ed esplorare le case abbandonate perché vuole cercare oggetti antichi che poi mette nelle tasche della sua giacca e scambiarli con cibo e della cioccolata perché ne è ghiotta.

  • Anche se è sfortunata, si fa amare da tutti perché ha un carattere dolce, fantasiosa, e generosa con tutti e amante delle piccole cose

    Ciao maestra!

  • Secondo me Momo ha un carattere dolce e tranquillo, e’ sempre gentile ed amichevole con tutti nonostante viva da sola e non possieda niente. Sa ascoltare le persone ed aiutarle ad affrontare i loro problemi, riesce a tirarle su di morale e a farle sorridere. Credo che sia questa la grande dote di Momo. Inoltre penso che sia molto sveglia e perspicace altrimenti non riuscirebbe a vivere da sola e senza una casa. Secondo me ha dieci anni.

  • Ciao carissima Mae Francy,
    ho fatto anche la proposta 2. Eccola qui.

    Mi presento : sono la signorina Mis Perfettina, sono qui con le mie amiche Mis Spazzatutto e Mis Tuttoinordine
    e vi voglio raccontare di questa bambina che è venuta a vivere qui vicino purtroppo. Intanto ci chiediamo se non si poteva scegliere una casa migliore al posto delle rovine, che di sicuro non hanno visto una scopa da millenni. Quella bambina sa cosa è un pettine? E lo shampoo? Di sicuro quella testa arruffata sarà un nido di pidocchi. Ha dei begli occhi scuri, questo si potrebbe apprezzare, ma i suoi piedi???! Avranno mai visto un po’ di sapone? Svengo già solo a pensare alla puzza! E meno male che ogni tanto mette delle scarpe che forse la bloccano, sennò la città sarebbe già ko. Ma anche vederla con quelle scarpe spaiate, più grandi della sua misura, rovinate, brutte e certamente non di moda non è un bello spettacolo. Per non parlare dell’abbigliamento: come si fa a mettere una gonna da donna e una giacca da maschio? E’ proprio fuori stile. Ha una gonna con talmente tante toppe di talmente tanti colori che non si riesce proprio a decidere che colore ha e con che colore abbinarla decentemente. Certamente non con quella giacca così grande che la fa sembrare Bagonghi. E chissà cosa ha in tutte quelle tasche che alla fine non servono a niente.

    Un bacio bacioloso e un abbraccio abbraccioso da Gigi D+

  • Ciao Maestra,
    Ho letto la traccia del racconto di Momo non il libro (per ora 😊). Scelgo la prima proposta di scrittura perché quando ho letto ho pensato che Momo fosse timida ma anche coraggiosa perché non ha un papà ed una mamma. Deve aver imparato ad essere autonoma e avere un carattere forte. Forse le persone e i bambini che incontrava, le dimostravano affetto o forse lo dava lei perché la immagino generosa. Momo deve essere stata umile perché non pretendeva le cose come i vestiti, le scarpe e il parrucchiere. Credo le piacessero le cose come giocare a piedi scalzi e stare con i bambini e si accontentava. Momo non si vergognava di come era vestita anzi era diventata previdente per via della giacca. Momo, per me, amava glia animali (vedi la tartaruga), quindi era sensibile.
    Ciao Ciao Davide🤗🤗🤗

  • Momo è coraggiosa perché vive da sola nelle rovine e forse per questo è anche triste.Ed è buffa per il suo modo di vestire e per la sua capigliatura e secondo me è molto simpatica e buona.

  • Cara maestra Francesca lo sai che la mia mamma ha il libro di Momo?Io ho letto il primo capitolo e ho deciso di leggerlo tutto.Domani lo porto.Ciao!🙋🙋🙋

  • LA DISORDINATA MOMO

    Si chiamava Momo o qualcosa di simile.
    Era piccola e magrolina, aveva una chioma di capelli neri, ricci e aggrovigliati, come un cespuglio, sembrava che di lì non fossero mai passati un pettine, né una forbice.
    La povera Momo camminava quasi sempre scalza per cui i suoi piccoli piedi erano sporchi e graffiati, e le sue unghie lunghe e nere. Non è molto igienico andare in giro per il paese scalza! Soltanto in inverno, e non sempre, portava scarpe spaiate, senza lacci, tutte rotte e bucate, larghe e lunghe come dinosauri.
    Momo non possedeva niente all’infuori di quel che trovava qua e là o che le regalavano, addirittura qualche volta le è capitato di trovare dei vestiti vicino al bidone delle immondizie. Che schifo!
    La sottana che le arrivava alle caviglie era rovinata, macchiata, spiegazzata, strappata, rattoppata… un vero disastro!! E sopra la gonna indossava una vecchia giacca scolorita, mangiucchiata e di ben due taglie più grande. Di certo Momo era previdente, ma insomma, poteva anche accorciare le maniche!

  • Momo per me è una bambina strana ma interessante perché non è una principessina che ama essere sempre vestita bene. Lei non si cura e sicuramente per lei sono importanti altre cose…deve essere molto forte e previdente…me lo ha fatto capire che ama tenere la giacca lunga perché sa che cresce con il tempo. Io non conosco la sua storia ma è coraggiosa, non ha un papà e una mamma. Ama la vita è gli animali. Credo che sia una bambina davvero speciale…

  • Ciao maestra secondo me momo era una bimba molto simile a pippi calze lunghe , cioè’ non si faceva nessun problema di quello che potevano dire le altre persone e viveva da sola in libertà e con le sue regole .
    Gaia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *