L’abruzzo nel cuore

Cara maestra e cari compagni di classe.

Quest’estate sono tornata a San Vito Chietino ed è proprio da lì che ho deciso di scrivervi per farvi scoprire le meraviglie della costa abruzzese.

Ho deciso di parlarvi del Trabocco che è un’ antica macchina da pesca tipica delle Coste abruzzesi.

Un trabocco

Secondo alcuni storici sarebbe un’invenzione dei Fenici. I trabocchi permettono di pescare senza doversi inoltrare nel mare.

Nel 1889 Gabriele D’Annunzio affittò una villa a San Vito Chietino rimanendo colpito dai trabocchi tanto che li descrisse nel romanzo “Il trionfo della morte”.

Il Trabocco è costruito con legno di pino d’aleppo il più comune in tutto il Medio Adriatico questo perché è un materiale inesauribile data la diffusione nella zona, modellabile, resistente alla salsedine ed elastico da poter resistere alle forti raffiche del vento del Maestrale.

Alcuni trabocchi sono stati ricostruiti negli ultimi anni , ma hanno perso da tempo la loro funzione economica che nei secoli scorsi ne faceva principale fonte di sostentamento di intere famiglie di pescatori, acquistando in compenso il ruolo di simboli culturali e attrattive turistiche.

Alcuni trabocchi sono stati persino convertiti in ristoranti, come quello della foto.

La tecnica di pesca molto efficace e a vista consiste nell’intercettare con le grandi reti a trama fitta i flussi di pesci che si spostano lungo gli anfratti delle Coste.

La rete viene calata in acqua grazie ad un complesso sistema di argani (Vedi la foto sotto) e allo stesso modo prontamente tirata su per recuperare il pescato.

I trabocchi sono un elemento caratterizzante del paesaggio costiero del Basso Adriatico.

La loro presenza e comunque attestata anche lungo il basso Tirreno e diffusissimo lungo tutta la costa dei trabocchi di Chieti da cui sono originari.

Sono così frequenti che danno vita alla cosiddetta costa dei trabocchi (vedi foto) che si estende da Ortona a Vasto. Per chi volesse vederli sono presenti anche sul molo di Sottomarina di Chioggia –  vedi link esterno che nel 2015 due di essi sono stati adibiti a ristoranti.

Dove trovare i Trabocchi sulla costa Abruzzese.

Un argano

Chi è la reporter di questo articolo

Giulia V.

Io reporter

Anche tu hai visitato un posto incredibile o fatto un’esperienza importante e vuoi mandare il tuo report a 6INradio per farlo conoscere ai tuoi compagni di scuola e a tutti? Sì?

Allora scrivi alla redazione mandando il tuo scritto in taglio giornalistico e informativo: lo leggeremo e se ci piacerà lo pubblicheremo.

Ricorda: le foto (non più di quattro) non devono rappresentarti e devono essere state scattate da te.
Attenzione: alcuni musei e mostre vietano l’uso delle immagini. 
Se prendi fonti di documentazione da internet devi scrivere da quale sito hai preso ispirazione.
Segui tutti i report dei giornalisti di 6INradio seguendo il tag io reporter.

Francesca Bomben

Sperimento linguaggi, narro di luoghi e imparo molto alla Scuola Primaria di Roveredo in Piano, Pordenone.

More Posts

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Giulia Valerio
Ospite
Giulia Valerio

Grazie Davide sono contenta che ti sia piaciuto il mio articolo. Io amo il 🌊 mare. Mi rilassa e mi fa sentire libera.

Davide
Ospite
Davide

Ciao Giulia,
grazie per il tuo articolo hai proprio ragione ad essere innamorata del mare infatti dalle foto si vede un mare meraviglioso. Grazie alla tua segnalazione andrò a Sottomarina su un Trabocco – ristorante 😀 . Ciao ciao Davide