La Superluna 2017

La Superluna è una Luna Piena che appare nel cielo più grande e più brillante perché si trova nel punto della sua orbita ellittica più vicino alla Terra (punto che viene chiamato Perigeo).


Questo accaduto altre quattro volte nel corso di quest’anno, ma si trattava di Lune Nuove ed era perciò impossibile vederle quindi questa era l’unica Superluna visibile del 2017 e stamattina la visibilità era eccezionale, l’aria limpida e all’entrata a scuola era ancora in cielo ma pronta a nascondersi dietro il Cansiglio così siamo andati a vederla insieme prima che si tuffasse dentro la neve.

Lo spettacolo della Luna Piena e ancor più quello della Superluna, è massimo al suo sorgere, ovvero al calar del Sole, oppure al tramonto del nostro satellite, ossia all’alba. 

Ok, non era l’alba, ma ci siamo impegnati!

Quando è tramontata la Luna ieri? Alle 6.49. Ecco perché non la potevamo vedere insieme ieri.

Ma attenzione! La fortuna è dalla nostra parte!

A gennaio 2018 doppia Superluna, una luna blu e l’eclissi totale!
Insomma degli avvenimenti astronomici da vera star. Bisogna solo confidare nel buon tempo.

É normale il verificarsi di più Superlune a distanza ravvicinata, ma tra tutte sarà la prima luna piena dell’anno 2018 ad essere la più vicina: la superluna del 2 gennaio disterà infatti 356.846 chilometri, mentre quella del 31 gennaio, una Luna Blu (Blue Moon) sarà a 360.199 chilometri.

La seconda superluna di gennaio 2018 sarà molto particolare perché oltre ad essere la seconda luna piena del mese, che per questo motivo prende il nome di Luna Blu o Blue Moon, sarà anche protagonista di una eclissi totale ma visibile sono dall’altra parte del mondo (in Australia).

Vi siete persi la Superluna?
Potrete rifarvi nella notte di Santa Lucia (erroneamente considerata la più lunga dell’anno) che sarà illuminata da una pioggia di stelle cadenti, le Geminidi, paragonabili per quantità e brillantezza alle Perseidi (le ‘lacrime di San Lorenzo’ visibili ad agosto).

INFOGRAFICHE: via ANGSA

NO COPYRIGHT INFRINGEMENT INTENDED; TEACHING PURPOSES

Francesca Bomben

Insegnante per l’asse dei linguaggi e per l’asse antropologico presso la Scuola Primaria di Roveredo in Piano, Pordenone.

More Posts

10 commenti su “La Superluna 2017

  • Ciao Maestra, con tanto entusiasmo negli occhi ho raccontato a casa il fenomeno e ripetuto più volte sottolineando che è un fenomeno vedere la luna blu e trasparente!!! L’astronomia mi affascina e vorrei scrivere molto, molto di più. D’estate mi piace stare con il naso all’insù aspettando di veder cadere qualche stella. Sarà una bella esperienza vederle cadere anche in inverno. Grazie!!

  • Grazie maestra per tutte queste informazioni. Lo sai che io compio 8 anni il 13 dicembre proprio nella notte delle stelle cadenti?. Mi hai fatto un bellissimo regalo con questo articolo così quel giorno farò tardi alla sera e insieme ai miei genitori vedrò le stelle cadenti..Stamattina la mamma vedendo la luna grande e luminosa nel cielo vicino al monte ha cantato una canzone ( la canta sempre quando vede la luna piena) che dice che ” se la luna piena poi si vede è perché il bambino dorme bene,ma se sta piangendo lei lo trastulla CALA e poi si farà culla”. La conosci questa leggenda? Questa è la canzone che la mamma mi cantava per la ninna nanna….proprio per la LUNA.

    • Quest’anno sarà un compleanno stellare! (Sì che sapevo che eri nato il 13 dicembre!).
      Ti racconto solo che se sei fortunato e il cielo sarà limpido potrai contare anche 120 meteore all’ora perché le Geminidi sono meteore molto lente e più facili, quindi, da identificare.
      Si distinguono dalle altre perché sono le uniche a provenire da un asteroide anziché da una cometa e questo le rende più dense e più forti.

      Il loro radiante è nella Costellazione dei Gemelli e quest’anno il picco è previsto proprio per la notte fra il 13 e il 14 dicembre.

      • Maestra, a che ora dovrò svegliarmi per vedere le stelle cadenti secondo te?
        Grazie ma faccio mettere la sveglia…non devo perdere questo regalo.

        • In questo momento non te lo saprei dire con sicurezza. Quello che si è che il radiante delle Geminidi si trova, come il nome lascia intuire, nella costellazione dei Gemelli, in prossimità della stella Castore e da lì arriveranno le meteore. Io ti consiglio di scaricarli sul PC Stellarium (trovi il link su questo sito usando il motore di ricerca) oppure una app per cellulare, vedere quando la costellazione dei Gemelli sarà in posizione ottimale per l’osservazione da casa tua (puoi simulare la notte interessata usando il programma).

  • L’articolo sulla Superluna è stato davvero interessante e molto affascinante. In particolare mi ha colpito che il 31 gennaio ci sarà la luna blu e non vedo l’ora di saperne di più. Grazie maestra Francesca per questo articolo.

    • La Luna blu è davvero blu?
      No, in realtà la luna brillerà del suo solito colore argentato, ma la particolarità è che si tratta della seconda luna piena del mese, un fenomeno astronomico che si verifica mediamente ogni 19 anni.
      Non aspettatevi di vedere il nostro satellite colorato di azzurro. In verità non è ancora del tutto noto perché sia stata, nel tempo, chiamata così.
      Però, però…
      Ci sono stati casi in cui la luna si è davvero tinta di blu: nel 1883 l’esplosione del vulcano Krakatoa, in Indonesia, scagliò negli strati più alti dell’atmosfera una enorme quantità di polveri, che filtrando selettivamente alcune lunghezze d’onda della luce visibile, resero per almeno due anni i tramonti particolarmente infuocati e la luna tinta di un singolare alone azzurro.
      Un fenomeno analogo si è verificato nel 1950 come conseguenza dei fumi prodotti da alcuni vasti incendi nelle foreste canadesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *