Giochiamo con le TABELLINE

 Tabelline noiose? E chi l’ha detto?

Non è per niente vero. L’anno scorso le abbiamo imparate anche con le canzoncine, ricordate?

Quest’anno ormai siamo più esperti giusto?

In classe spesso mi chiedete di mettervi in gioco con   gare di tabelline.

Eccovi alcuni giochi per allenarvi, cliccate direttamente sul titolo e divertitevi.

Com’è andata, spero vi siate divertiti.

Scrivetemi il vostro nome e quale gioco vi è piaciuto di più

 

Rosita Catalano

Insegnante per l’asse scientifico matematico tecnologico e antropologico presso la Scuola Primaria di Roveredo in Piano, Pordenone.

More Posts - Website

9 commenti su “Giochiamo con le TABELLINE

  • Ciao maestra Daniela ho fatto gli esercizi, mi sono resa conto di averne sbagliate alcune, ma ho imparato che la fretta è una cattiva compagnia, il mio gioco preferito è stato quello del diploma.
    Gaia Benevento.

    • Brava Gaia! Capire di persona perchè si sbaglia è diverso rispetto a sentirti dire le cose dai grandi, magari dalle maestre. Sei sulla strada giusta per diventare attenta e precisa ogni giorno di più. Continua così!

  • Ma perché quando eravamo piccole noi queste cose qui non c’erano?
    Al massimo c’era la penultima pagina dei quaderni con la tavola pitagorica fino al 12 da poter sbirciare.

  • Maestra non riesco a fare alcuni esercizi perché mi dice che mi causa problemi sul cellulare è non voglio causare problemi.
    Però ho fatto il test a tempo EMI sono divertita un sacco!!😘😘😘😘

  • Ciao carissima Maestra Rosita,
    grazie di aver messo questi esercizi. Sono bellissimi e quello che mi è piaciuto di più è il Diploma di Tabelline. Sono riuscita a prendere il grande diploma. Sono riuscita a fare tutti giusti anche quelli a tempo perché a casa non mi agito. Imparerò a non agitarmi anche a scuola.
    Ti mando un bacio bacioloso

    • Wow!!!Velocissima Ginevra. Sono contenta che ti siano piaciuti. Il “grande diploma”, brava, non avevo dubbi. Per quanto riguarda l’ansia non preoccuparti, hai già fatto tanti progressi, riuscirai con il tempo a capire che a scuola non serve agitarsi, bisogna stare sereni e tranquilli. Un abbraccio. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *