Egitto, dei, faraoni, uomini in mostra a Jesolo

 

Anche tu hai visitato un posto incredibile e importante e vuoi mandare il tuo report a 6INradio per farlo conoscere ai tuoi compagni di scuola? Sì?

Allora scrivi alla redazione mandando il tuo scritto: lo leggeremo e se ci piacerà lo pubblicheremo.

Ricorda: le foto non devono rappresentarti e devono essere state scattate da te.
Attenzione: alcuni musei e mostre vietano l’uso delle immagini. 
Se prendi fonti di documentazione da internet devi scrivere da quale sito hai preso ispirazione.
Segui tutti i report dei giornalisti di 6INradio seguendo il tag io reporter

La nostra inviata speciale Anna è andata per noi a Jesolo a una mostra importante.
Leggiamo la sua cronaca.

Durante le festività natalizie sono andata al Lido di Jesolo (Venezia) a visitare la mostra sull’Egitto .

La mostra sull’Egitto chiamata “Egitto, dei, faraoni, uomini“. All’ingresso ci ha accolto una grande piramide fatta completamente di sabbia. L’interno è diviso in varie sale con tanti reperti originali provenienti dai più grandi musei e tante ricostruzioni. Tutto è accompagnato da audioguide che spiegano molto bene la storia di ogni reperto esposto.
Una teca in particolare mi è piaciuta molto perché conteneva le varie polveri usate per fare i colori: gesso, carbone,ocra, senape, lapislazzuli e gli strumenti per realizzarli.
Molto interessante è stata la ricostruzione della tomba del faraone Tutankamon con i suoi graffiti.

Interessante ma un po’ spaventosa la sala che riproduce i vari processi della mummificazione e la “mummia bambina”.

Il reperto più importante della mostra è la mummia originale della “Signora delle Ninfee” così chiamata per i decori del suo sarcofago. È chiamata anche “mummia di Asti” perché è conservata in quel museo. Il volto è stato ricreato con un calco in gesso usando i metodi della polizia scientifica.

Un particolare di questa mummia è che tra le sue bende sono stati ritrovati cuciti fili di perline che molto probabilmente servivano a proteggerla nel suo viaggio verso l’aldilà.

Un altro documento rilevante è la riproduzione a grandezza naturale della “Stele di Rosetta“, importante perché riporta lo stesso testo scritto in tre diverse grafie: geroglifico, demotico e greco.

L’incisione è il testo di un decreto emesso in onore del faraone Tolomeo V. Grazie a questa stele si gli storici hanno potuto comprendere il significato dei geroglifici. La mostra mi è piaciuta molto perché ho potuto vedere e imparare cose nuove.

reportage e foto: Anna S.

Se oggi siamo in grado di decifrare i geroglifici lo dobbiamo a… questo pezzo di granito

Chi ha scritto questo report

Anna

Per approfondire

«Egitto, Dei, Faraoni, Uomini»,  resterà aperta a Lido di Jesolo dal 26 dicembre al 15 settembre 2018. Un evento di portata internazionale, ricco di importanti testimonianze della civiltà egizia provenienti dal Cairo, Firenze, Roma e Trieste.
Attenzione! Le date non sono continuative: maggiori informazioni sul sito ufficiale.

Spazio Aquileia 123 
Lido di Jesolo
www.mostraegitto.com 

 

Anche tu hai visitato un posto incredibile e importante e vuoi mandare il tuo report a 6INradio per farlo conoscere ai tuoi compagni di scuola? Sì?

Allora scrivi alla redazione mandando il tuo scritto: lo leggeremo e se ci piacerà lo pubblicheremo.

Ricorda: le foto non devono rappresentarti e devono essere state scattate da te.
Attenzione: alcuni musei e mostre vietano l’uso delle immagini. 
Se prendi fonti di documentazione da internet devi scrivere da quale sito hai preso ispirazione.
Segui tutti i report dei giornalisti di 6INradio seguendo il tag io reporter

Francesca Bomben

Sperimento linguaggi, narro di luoghi e imparo molto alla Scuola Primaria di Roveredo in Piano, Pordenone.

More Posts

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Ian
Ospite
Ian

Ciao maestra Francesca ho letto l’articolo e volevo sapere se faremo delle registrazioni su questo argomento. Ci vediamo lunedì!

davide gravili
Ospite
davide gravili

Ciao Anna, grazie per il tuo articolo :-). Sei riuscita a vedere anche Bastet? Ma è veramente tutto nero con il collare d’oro? Mi affascina l’idea degli egizi di rispettare gli animali tanto da considerarli delle divinità. Grazie ancora ciao ciao!!!

Anna Soldan
Ospite
Anna Soldan

Ciao maestra, che emozione veder pubblicato il mio reportage! Grazie.

Greta
Ospite
Greta

Ciao Anna ho letto il tuo articolo è molto interessante,mi hai dato un’ idea per trascorrere uno dei prossimi week-end.Appena smetto di andare sullo snowboard ci vado!

Diego Steffan
Ospite
Diego Steffan

Non sapevo che anche gli Egiziani usavano i lapislazzuli!
Né che la loro scrittura era fatta da geroglifici.
Ci sono tante cose che non so sugli Egizi…
Ciao arrivederci.

Davide Gravili
Ospite
Davide Gravili

Ciao Diego sai che i contadini egizi pregavano anche gli scorpioni ed i coccodrilli? Secondo me lo facevano perché non fossero mangiati. Hai visto che bella la foto di Bastet? La mia mamma mi ha detto che la sorella di Bastet era una leonessa. 😮🤔🤔. Maestra Francesca è vero??? 🤗🤗☺☺

Gaia
Ospite
Gaia

Ciao Anna bellissima la tua relazione sulla visita alla mostra degli egizi. A mio nonno piace tutto quello che riguarda gli Egizi, sei fortunata ad aver visto tutte quelle cose interessanti e la ricostruzione della tomba di Tutankamon. Ciao a domani da Gaia

Francesco Stefanelli
Ospite
Francesco Stefanelli

Le cose che ho letto erano bellissime! Lo sai che io a casa ho due riproduzioni di papiri? Vorrei saperne di più sulle divinità egiziane mi potresti consigliare un libro? così imparo cose nuove di storia.Aspetto la tua risposta grazie maestra Francesca!

Nicholas
Ospite
Nicholas

Ciao,veramente affascinante!! ..quanti nomi difficili da ricordare e anche difficile immaginare quei tempi !!

Anna Soldan
Ospite
Anna Soldan

Ciao Davide, alla mostra c’erano statuette di Nefertiti ma di Cleopatra non ne ho viste. Alla mia mamma piace un po’ tutto quello che riguarda l’Egitto ma in particolare la dinastia di Nefertari e Ramses! Ciao a domani!

Ian Cipolat
Ospite
Ian Cipolat

Ciao maestra sai che sono andato anchio alla mostra!