E finalmente ecco Bruno!

Bruno, in tutta la sua mostruosa bellezza!

Dopo aver tanto parlato del dinosauro Antonio ho voluto andare a conoscere anche Bruno che è stato finalmente sistemato per essere mostrato a tutti.
Bruno infatti era stato trovato più o meno assieme ad Antonio ed estratto nel 1998.

Mancava la testa che era rimasta nella roccia al villaggio del Pescatore e che è stata tirata fuori solo pochi mesi fa.
Siamo arrivati all’Info Point di Sistiana dove Bruno è stato esposto qualche giorno e due Paleontologi, Giulia e Mario, ci hanno raccontato tante cose di Bruno.

Alcune le sappiamo già, che era 1 metro più lungo di Antonio, un po’ più pesante (circa 600 kg), che era della sua stessa specie e quindi vegetariano. Altre cose le ho scoperte proprio con loro: Bruno è completo al 70% e un piccolo pezzo di coda è ancora al villaggio del Pescatore. Quando ci sono andata dopo l’ho fotografata, eccola qui.

Parte fossile ancora da riassemblare

Non si sa se Bruno fosse maschio o femmina come non lo sappiamo di Antonio. Il suo scheletro è piegato in modo strano perché quando è morto e il fango l’ha ricoperto, il terreno si era schiacciato su di sé piegandolo come un foglio.

Il blocco di pietra che “contiene” il fossile di Bruno

La testa era stata tagliata perché quando hanno tagliato la roccia per prendere Antonio non sapevano ancora che c’era anche Bruno. Ci hanno fatto vedere come tolgono lo scheletro dalla roccia. Qui però adesso mi aiuta la mamma perché io non ho capito niente:

la roccia e il fossile sono di due materiali diversi, la roccia è carbonato di calcio e il fossile è fosfato di calcio. Per preservare meglio il fossile si è preferito agire sulla differenza chimica e non utilizzare mezzi meccanici. La roccia è stata sciolta con una soluzione di acido formico (quello prodotto dalle formiche, da cui il nome) che scioglie per l’appunto il carbonato di calcio della roccia ma non il fosfato di calcio dello scheletro”.

Dopo siamo andati al villaggio del Pescatore dove si vede ancora il buco lasciato dalla testa di Bruno.

Il blocco tagliato dove è stata rinvenuta la testa di Bruno

Ho anche scoperto di cosa è morto Antonio, lo volete sapere?

Ce lo dice proprio il suo scheletro: Antonio si è rotto il femore di una zampa e quindi non era più capace di camminare e procurarsi il cibo. Al villaggio hanno anche ricreato la scena di quando Antonio è morto.

Diorama  che rappresenta la morte di Antonio

Ho fatto un laboratorio dove ti danno delle rocce e tu devi romperle piano con il martello e lo scalpello per trovare fossili come un vero paleontologo. Io ho trovato un pesciolino e tanti coproliti che sembra una parola scientifica ma vuole solo dire cacca di pesce fossile.

Bisogna colpire con precisione e delicatezza

Il fossile che c’era dentro!

Questa visita è stata talmente bella che adesso sono un po’ indecisa se fare ancora l’archeosub o il paleontologo.

Gigi D+

Note redazionali
L’esposizione di Bruno a Sistiana è stato un evento breve e straordinario. Si poteva vedere Bruno dal 1 agosto al 19 agosto. Il blocco nel quale era ancora a riposo il cranio è stato estratto il 29 giugno 2018.

Notiziario di Telequattro di martedì 31 luglio 2018.
Bruno è attualmente il più grande dinosauro italiano. Secondo gli archeologi, le scoperte nel sito paleontologico del Friuli Venezia Giulia non sono finite. 



Io reporter

Anche tu hai visitato un posto incredibile o fatto un’esperienza importante e vuoi mandare il tuo reportage a 6INradio per farlo conoscere ai tuoi compagni di scuola e a tutti? Sì?

Allora scrivi alla redazione mandando il tuo scritto: lo leggeremo e se ci piacerà lo pubblicheremo.

Ricorda: le foto non devono rappresentarti e devono essere state scattate da te. Seleziona le migliori e scegliendo tra quelle più pertinenti al tuo reportage.

Attenzione: alcuni musei e mostre vietano l’uso delle immagini. 
Se prendi fonti di documentazione da internet devi scrivere da quale sito hai preso ispirazione.
Segui tutti i report dei giornalisti di 6INradio seguendo il tag io reporter

Francesca Bomben

Insegnante per l'asse dei linguaggi e per l'asse antropologico presso la Scuola Primaria di Roveredo in Piano, Pordenone.

More Posts

8 commenti su “E finalmente ecco Bruno!

    • Ciao Marco,
      mi hanno spiegato che probabilmente Antonio se l’è rotto scappando da un predatore e inciampando su un tronco. Ma è un’ipotesi. Quello che è certo è che non è stato attaccato dal predatore perché il suo fossile non mostra segni di morsi ecc. È probabile quindi che poi si sia riuscito a nascondere nella vegetazione che era molto incolta perché sai a quell’epoca i giardinieri non erano molto efficienti 😂.
      Ci vediamo presto.

    • Ciao Davide, adesso sono indecisa se fare la paleontologa o l’astronauta ma grazie che mi appoggi per la paleontologa. Ciao Ciao da Ginevra

    • Ciao Silvi, 1. grazie anche a te che mi appoggi. 2. Bruno era esposto per pochi giorni ad agosto all’Info Point di Sistiana vicino a Trieste. Adesso dovrebbe essere custodito dai paleontologi del Museo di Trieste che lo stanno studiando e sistemando e 3 penso che verrà messo nello stesso Museo di Antonio.
      Baci da Ginny

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *